News

Relazione di Roberto Carrelli Palombi

1. Ringrazio Silvana per avere tempestivamente recepito la mia richiesta, convocando il Comitato di coordinamento nella prima data utile subito dopo le elezioni per il rinnovo della componente togata del C.S.M. Non per mia richiesta, ma in seguito a sollecitazione che mi risultano essere pervenute da più parti, la convocazione è stata rinviata al 27 ottobre.

La scelta dei tempi per la nostra riflessione sugli esiti delle elezioni non può essere stata neutra, ma ha avuto per me un chiaro significato.  La fissazione del Comitato, sulla quale non ho ritenuto di dovere influire, in una data così lontana rispetto alla mia richiesta è stata per me una chiara indicazione della volontà del gruppo di non privarsi della direzione politica da me rappresentata in una fase delicata di passaggio dalla vecchia alla nuova consiliatura.  Oggi questa fase è esaurita.
In questo periodo ho cercato di spiegare a quelli che me lo hanno chiesto il senso della mia lettera di dimissioni inviata a Silvana la sera del 11 luglio,

Continua...

23 ottobre 2018

Fine vita, frontiere scientifiche e norme penali: questioni aperte.

Approfondimento small

La tematica della responsabilità penale nelle scelte di fine vita è tornata oggi più che mai alla ribalta nel dibattito pubblico e giuridico, alla luce dei problemi applicativi della Lg. 219/2017 in tema di "norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento" ed in attesa della pronuncia della Corte Costituzionale sul caso Cappato, con udienza fissata per il prossimo 23.10.2018, nella consapevolezza che difficilmente, sia la nuova normativa, che l'intervento costituzionale potranno essere risolutivi delle enormi problematiche giuridiche sottese.

Continua...

19 ottobre 2018

Le videoriprese di comportamenti non comunicativi in ambito domiciliare. Una ricostruzione alternativa sulla loro utilizzabilità.

Approfondimento small

1.Il regime di utilizzabilità delle videoriprese

Le videoriprese costituiscono in molte indagini, anche particolarmente delicate e complesse, un importante strumento per acquisire prove decisive per la ricostruzione dei fatti. Si pensi ai procedimenti in materia di droga, a quelli sui reati contro la pubblica amministrazione o sui reati di maltrattamenti in ambito scolastico o sanitario. Sono materie in cui è difficile avere o acquisire prove testimoniali o dove, comunque, il testimone può porre problemi di attendibilità o di tenuta dibattimentale. In questi casi spesso le videoriprese consentono di acquisire prove chiare e inattacabili in ordine alla consumazione dei reati e alla responsabilità degli indagati.

Nel nostro ordinamento manca tuttavia una normativa in materia di videoriprese, in quanto il codice di procedura penale disciplina, tra i mezzi di ricerca della prova, solo le ispezioni, le perquisizioni, i sequestri e le intercettazioni.

Continua...

19 ottobre 2018

L'ipotesi del mancato pagamento del pedaggio autostradale mediante l'impiego di tecniche truffaldine: truffa, insolvenza fraudolenta o mero illecito amministrativo?

 

Approfondimento small

1. IL CASO CONTROVERSO

Nelle aule penali dei Tribunali Italiani ormai da anni gli operatori del diritto si confrontano con un caso ricorrente, di non agevole soluzione giuridica: quello del conducente del veicolo che, in un dato lasso di tempo, effettua numerosi transiti sulla rete autostradale omettendo - in forza di un comportamento  truffaldino - di corrispondere il relativo pedaggio alla società concessionaria (in particolare, l'agente, dopo aver ritirato il tagliando al casello d'ingresso, raggiunte le stazioni di uscita, si accoda agli automobilisti in transito presso le piste riservate al pagamento tramite telepass - senza essere munito di tale mezzo elettronico di pagamento - riuscendo a superare la barriera prima dell'abbassamento della sbarra);

Continua...

15 ottobre 2018

Tra etica e norma penale: il fine vita e le nuove frontiere del diritto.

Approfondimento small

Il presente contributo afferisce alla questione del fine vita e ai trattamenti terapeutici e come tale involge più campi di rilevanza giuridica; tra questi vi è certamente il diritto penale, che  rappresenta lo strumento giuridico classico  di tutela del bene della vita umana e, cionondimeno, comporta la necessaria persecuzione di un equilibrio tra i diversi beni giuridici, tanto più complesso in relazione alla drammatica e lacerante delicatezza delle questioni legate al fine vita[1].

La tematica involge il binomio diritto-bioetica (oltre che, ma non è questa la sede per un approfondimento in tal senso, quello tra bio-etica laica e bio-etica cattolica[2]).

L'etica (e, dunque, anche la bio-etica) è per definizione un campo aperto alla riflessione e al confronto fra concezioni diverse, in costante evoluzione e, quindi, variabile nel tempo. Il diritto è invece un mondo di norme vincolanti e coercitive nel momento attuale che, però, attraverso l'interpretazione giurisprudenziale tende a risultati anche "eticamente" compatibili[3].

Continua...

15 ottobre 2018

Rilevanza e accertamento del rischio interferenziale nelle indagini in materia di sicurezza sul lavoro

Approfondimento small

Il concetto di rischio interferenziale nella riflessione dottrinale e giurisprudenziale, in assenza di un'espressa definizione normativa

Una corretta trattazione del tema del rischio interferenziale, e dei connessi riflessi che esso può avere sulle indagini e sulla formulazione dell'imputazione, all'interno di un procedimento penale istruito per la ricostruzione di un evento lesivo o mortale occorso al lavoratore sul luogo di lavoro, implica necessariamente di inquadrare la problematica all'interno della più generale teoria della gestione del rischio, che ormai costituisce il tratto peculiare e saliente della normativa prevenzionistica.

Continua...

04 ottobre 2018

Il divieto di indossare il velo islamico sul posto di lavoro: legittimo o discriminatorio

Approfondimento small

La libertà di abbigliamento è un tratto caratteristico dell'identità personale, che si configura quale diritto ad essere se stesso con tutte le proprie convinzioni ideologiche, religiose, morali e sociali che differenziano e qualificano l'individuo.

E' ovvio che questo diritto alla differenza  non sia esercitabile senza limiti, dovendo essere bilanciato con altri beni costituzionalmente protetti che si contrappongono alla sua piena espansione.

La questione in questa sede affrontata attiene proprio questo aspetto e, cioè, quanto possa essere compresso il diritto all'identità sub specie religionis dalle esigenze aziendali.

Continua...

04 ottobre 2018

Nomina vicepresidente CSM

Formuliamo al vice presidente on. Avv. David Ermini i più sentiti auguri di buon lavoro, auspicando che, al di là delle contrapposizioni di oggi, tutti i componenti del C.S.M., laici e togati, riescano a cooperare insieme nell'interesse delle Istituzioni e dei cittadini.

Con preoccupazione, invece, assistiamo ad alcune reazioni susseguenti all'elezione del vice presidente, che, a nostro giudizio, determinano una non corretta sovrapposizione di piani. Leggere la scelta di un candidato o di un altro in una prospettiva di antagonismo o favoritismo politico rischia di compromettere l'equilibrio  fra i poteri dello Stato disegnato nella Carta costituzionale.

Come ricordato dal Presidente Mattarella, con parole che è difficile equivocare, una volta che il Parlamento ha compiuto le sue scelte con l'elezione dei componenti laici del C.S.M.

Continua...

27 settembre 2018

Il sistema havala

Approfondimento small

IL FAVOREGGIAMENTO DELL'IMMIGRAZIONE CLANDESTINA , RICICLAGGIO E AUTORICICLAGGIO QUALI REATI "SPIA" DEL DELITTO DI FINANZIAMENTO DI ASSOCIAZIONE TERRORISTICA DI MATRICE ISLAMICA: IL SISTEMA HAWALA

 

Come noto il reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina previsto dall'art. 12 I e III comma del D. Lgs.vo 286/1998 reprime con particolare severità condotte dirette a organizzare, dirigere e promuovere ovvero finanziare  (e comunque effettuare) il trasporto di cittadini stranieri senza titolo di residenza permanente ed in violazione della disciplina in materia di immigrazione nel territorio dello Stato o, con clausola di riserva, diverse condotte genericamente dirette a procurarne illegalmente l'ingresso nello Stato italiano o in altro Stato (reato di emigrazione illegale).

Continua...

25 settembre 2018