News

La rilevanza usuraria degli interessi di mora: un dilemma irrisolto

Approfondimento small

Il contenzioso bancario e finanziario è costellato da numerosi contrasti interpretativi di difficile soluzione, nonostante i notevoli sforzi profusi sia dalla dottrina che dalla giurisprudenza. L'esigenza di trovare una linea interpretativa unitaria è sempre più impellente tenuto conto delle ricadute che hanno le decisioni dei tribunali sul sistema bancario e, conseguentemente, sull'intero sistema economico nazionale. Non è un caso che negli ultimi mesi per ben tre volte le Sezioni Unite della Cassazione siano state chiamate a dirimere gli accesi contrasti giurisprudenziali sorti su questioni di particolare rilevanza quali la configurabilità dell'usura sopravvenuta  (Cass. S.U. Sent. n. 24675/2017), la validità del contratto monofirma (Cass. S.U. Sent. n. 898/2018) e la rilevanza usuraria delle cms (Cass. S.U. Sent. n. 16303/2018).

Continua...

11 dicembre 2018

Il concorso di persone nel reato proprio e i reati a soggettività ristretta

Approfondimento small

INQUADRAMENTO GENERALE

Tra gli elementi costitutivi della fattispecie penale assumono particolare rilevanza i cc.dd. presupposti del reato, in assenza dei quali la condotta del reo non assume rilevanza penale ovvero integra una diversa fattispecie di reato.

Tali presupposti possono presentare carattere oggettivo o soggettivo e attenere a condizioni e circostanze materiali o giuridiche; deve inoltre precisarsi che la presenza di un determinato presupposto del reato può altresì incidere sul relativo trattamento sanzionatorio, quando il legislatore lo elevi ad elemento accessorio della fattispecie penale, in termini di circostanza aggravante o attenuante.

Tra i presupposti del reato, particolare rilevanza assumono  quelli inerenti alla persona del reo, rispetto al quale spesso il legislatore richiede  una precisa qualifica o un determinato    status  perché possa rispondere penalmente della propria condotta.

Continua...

11 dicembre 2018

Plenum CSM 6 dicembre 2018

In apertura di Plenum si è lungamente discusso della vicenda relativa alla polemica tra il Ministro Salvini ed il Procuratore di Torino Spataro, vicenda in relazione alla quale alcuni Consiglieri hanno richiesto l'apertura di una pratica a tutela a favore del collega Spataro, alla quale non abbiamo ritenuto di aderire.

È bene precisare che nel corso della discussione non si è parlato del merito della questione (e segnatamente se le esternazioni di Ministro o Procuratore fossero o meno sopra le righe), anche per non invadere le

Continua...

07 dicembre 2018

Anm, rispettare ruoli e abbassare i toni

"Va ribadita la necessita' che siano rispettati i ruoli previsti dall'ordinamento e le prerogative a ciascuno riconosciute, auspicando che ogni legittimo confronto e le connesse posizioni siano portate avanti abbassando i toni e rispettando i profili e i percorsi professionali".

Lo dichiara il presidente dell'Anm Francesco Minisci, in merito alla querelle che ieri ha visto opposti il ministro dell'Interno Matteo Salvini e il procuratore della Repubblica di Torino Armando Spataro.

Continua...

05 dicembre 2018

Tutela delle vulnerabilità delle persone offese

Approfondimento small

1. Premessa. 2. Le persone offese nell'ordinamento giuridico processualpenalistico. 3. Le vulnerabilità della persona offesa. 4. Tutela procedimentale e processuale delle persone offese vulnerabili.

1.   Premessa

Le novelle legislative intervenute negli ultimi anni sul contenuto di alcune disposizioni normative del codice di procedura penale hanno determinato una differenziazione dello status di persona offesa, permettendo di affermare che non esiste più nell'attuale ordinamento processualpenalistico una solaspeciesdi persona offesa alla quale il legislatore conferisce diritti e facoltà di egual tipologia. Piuttosto, è possibile sostenere, alla luce del percorso argomentativo che si affronterà nel proseguo del presente scritto,

Continua...

03 dicembre 2018

Alienazioni in garanzia e pattuizioni marciane tipiche. Verso un possibile ripensamento del divieto del patto commissorio.

Approfondimento small

 

La legislazione speciale degli ultimi anni ha consegnato agli interpreti diverse ipotesi di pattuizioni marciane tipiche, connotate tutte, malgrado alcune differenze emergenti dalla disciplina dei contratti di garanzia finanziaria, dagli elementi caratteristici della stima imparziale del valore della garanzia, operata da un terzo al momento del realizzo, e della restituzione dell'eventuale supero che sia residuato dalla soddisfazione del creditore.

Continua...

03 dicembre 2018

Plenum CSM al 14 novembre 2018

Cari colleghi, proseguiamo nell'attività di informazione dell'attività svolta dal Consiglio Superiore.

La settimana è iniziata con il Plenum  straordinario di lunedì sulla vicenda, della quale vi avevamo riferito i giorni scorsi, relativa al parere che il Consiglio deve rendere in ordine al disegno di legge per la nomina della terna dei candidati alla Procura Europea (EPPO), terna all'interno della quale in sede comunitaria (Parlamento e Consiglio di comune accordo) si dovrà poi scegliere il rappresentante italiano.

I componenti togati del Consiglio hanno dall'inizio assunto una posizione molto netta, ritenendo che la proposta all'esame del Parlamento, la quale prevede l'indicazione dei nominativi da parte del Ministero, sia in violazione dell'articolo 105 della Costituzione, atteso che la Procura Europea, diversamente da Eurojust,

Continua...

29 novembre 2018

Plenum CSM 8 novembre 2018

Cari colleghi, sperando di essere in qualche modo utili, proseguiamo nella prassi iniziata di illustrazione dell'attività settimanalmente svolta dal Consiglio.
Come scrivevamo la scorsa settimana, tentiamo di farlo, nei limiti delle nostre capacità, con la massima obiettività possibile, cercando di mantenere fede all'impegno preso in campagna elettorale di 'non dire bugie' ed evitando la continua ricerca di polemiche con gli altri gruppi al solo fine di ottenere visibilità mediatica.
 
In Prima Commissione stiamo lavorando, d'intesa con gli altri componenti, ad una modifica della circolare che snellisca gli adempimenti richiesti per gli incarichi extragiudiziari di minore impatto, liberalizzando un po' un settore che oggi vede un eccesso di dirigismo da parte del Consiglio: speriamo e pensiamo di potere arrivare alla modifica in breve tempo.

Continua...

29 novembre 2018

Plenum CSM 21 novembre 2018

Gentili Colleghi si informa che, in data odierna, il Plenum del Consiglio superiore della magistratura ha deliberato  le pratiche di III commissione: 
 
Copertura di un posto di sostituto procuratore generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Ancona

Il Consiglio ha deliberato  
delibera il trasferimento del dott. Luigi ORTENZI a sua domanda, alla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Ancona, previo conferimento delle funzioni requirenti di secondo grado.

 

Copertura di quattro posti di consigliere della Corte d'Appello di Catania
Il Consiglio ha deliberato  
delibera il trasferimento dei sottoindicati magistrati, a loro domanda, alla Corte d'Appello di Catania con funzioni di consigliere, previo conferimento delle funzioni giudicanti di secondo grado:

Continua...

29 novembre 2018

“L’Hacktivismo informatico” quale condotta con finalità di terrorismo e/o eversiva ai sensi di cui all’art. 270 sexies c.p. : il caso Anonymous”

Approfondimento small

Deve, in premessa, tratteggiarsi la nozione di atto di terrorismo o di eversione. La disciplina in materia è stata oggetto di reiterati e stratificati interventi legislativi che hanno infine disegnato un quadro normativo connotato da una tendenza repressiva via via più accentuata e dalla qualificazione come autonome fattispecie di reato di condotte originariamente comprese nella associazione con finalità di terrorismo di cui all'art. 270 bis c.p. (norma introdotta per la prima volta con un intervento effettuato nel contesto normativo del codice Rocco con l'art. 3 della l. 15 dicembre 1980, n. 15, poi modificata dal d.l. 18 ottobre 2001, n. 374 convertito nella l. 15 dicembre 2001, n. 438).
La disciplina era diretta  a punire qualsiasi atto "di violenza" genericamente volto a finalità terroristiche o di eversione dell'ordine democratico.

Continua...

27 novembre 2018