Articolo 9

Segretario Generale

1.  Il Segretario Generale della corrente è eletto dal Comitato di Coordinamento, a maggioranza semplice dei presenti, tra tutti gli aderenti alla corrente.

2.  Dura in carica quattro anni ed e immediatamente rieleggibile per una sola volta.

3.  Convoca la Segreteria Nazionale e il Comitato dei Segretari Sezionali e ne fissa l'ordine del giorno.

4. Deve convocare la Segreteria Nazionale a richiesta di almeno due componenti e inserire all'ordine del giorno le questioni indicate anche da un componente. Deve convocare il Comitato dei Segretari Sezionali almeno due volte l'anno.

5.  Promuove, previa consultazione, anche senza onere di forma, dei componenti della Segreteria nazionale, iniziative e adotta i provvedimenti opportuni di fronte a fatti che interessano il Paese, la Magistratura e l'Associazione Nazionale Magistrati.  A tal fine può disporre consultazioni urgenti del Centro Studi.

6.  Provvede:

a) a dare esecuzione ai deliberati del Comitato di Coordinamento Nazionale;

b) ad amministrare i fondi della corrente;

c)  a coordinare le iniziative locali nel rispetto dell'autonomia dei gruppi;

d) alla pubblicazione di un ciclostilato periodico da inviare agli aderenti;

e)  a redigere annualmente il rendiconto finanziario, che, dopo l'approvazione del Comitato di Coordinamento Nazionale, dovrà essere pubblicato sulla rivista dell'Associazione Nazionale Magistrati;

f)  a fissare il regolamento del Centro Studi della corrente;

g) a promuovere momenti di confronto su linee tematiche con i rappresentanti dell'autogoverno nazionale e locale, ferma restando la piena autonomia degli stessi.

h)  a presentare, alla fine di ogni anno di mandato, per l'approvazione del Comitato di Coordinamento, una relazione consuntiva sull'attività svolta, sulla linea politica seguita, con cenni sulle prospettive della corrente, nonché un rendiconto finanziario.